Trova l'immobile giusto per te:
02/70122070 - 02/70105873
COMPRARE CASA

Le mosse da fare prima di firmare un contratto di affitto

Il momento della firma di un contratto di locazione sigla il punto di partenza di un nuovo percorso di vita. La casa è quella giusta, la posizione anche, ma bisogna procedere con prudenza che, come si sa, non è mai troppa… É vero che un contratto d’affitto è limitato nel tempo, ma bisogna comunque essere preparati e conoscere cosa si sta per firmare. La stipulazione di un contratto d’affitto è una decisione importante per chi decide di fare questo passo ed è importante tenere a mente alcuni punti prima di mettere la propria firma su qualsiasi foglio di carta.

Va ricordato che questo momento vede la presenza di due soggetti principali: chi affitta, cioé il proprietario della casa e l’affittuario, cioé l’inquilino che andrà ad abitare presso l’immobile in questione. In alcuni casi, è presente anche l’agente immobiliare a cui ci si è affidati per seguire il percorso immobiliare.

1. Prezzo e spese

Meglio chiarire subito qualora non lo fosse ancora al momento della firma qual è il prezzo del canone d’affitto, quali sono le spese che spettano all’inquilino e quali al proprietario. Meglio chiarirlo una volta in più piuttosto che restare nel dubbio e soprattutto inserirlo nel testo del contratto.

2. Lo stato dell’abitazione

Meglio controllare bene che tutti gli impianti siano a norma, soprattutto quello elettrico e del gas.

3. I vicini di casa

Sempre meglio informarsi se si tratti di famiglie, studenti, lavoratori, persone calme o meno e scegliere se questa condizione va bene in base alle esigenze personali

4. Animali domestici

Si possono portare in casa oppure no? Meglio chiedere prima al proprietario soprattutto se si tratta di una casa ammobiliata

5. Pagamento

Versare il primo canone d’affitto solo quando è tutto stabilito e messo per iscritto sul contratto. In questo una buona agenzia immobiliare può aiutare, sono loro a pensare a tutti questi dettagli nell’interesse di tutti i soggetti coinvolti.

6. Modifiche all’appartamento

Prima di trasferirsi nel nuovo immobile, è bene sapere quali modifiche è possibile apportare, se si possono modificare gli spazi ecc. In questo modo si eviteranno fraintendimenti con il proprietario.

7. Condizioni arredo

Se si tratta dell’affitto di una stanza e non di un appartamento allora bisogna vedere con i propri occhi se tutti gli elementi d’arredo siano davvero in buone condizioni e se rimarrà tutto.

Spesso una prima visita non basta per rispondere a tutte le domande però bisogna cercare di essere pignoli quanto basta perché in quella casa ci andrete ad abitare voi o la vostra famiglia e deve andar bene solo e soltanto a voi.

Per fare in modo che tutto vada bene, bisogna partire con il piede giusto con il proprietario di casa, a volte non è semplice. Non va dimenticato che il proprietario affida il suo immobile all’inquilino, ma deve offrire uno spazio sicuro mentre l’inquilino è il custode di un ambiente non suo, che deve trattare al meglio.

La stipula di un contratto non è un gioco per cui, se non vi sentite sicuri, rivolgetevi ad un agente immobiliare o ad un’agenzia che vi affiancherà in questo percorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.